Free Call +39 0835 337 942
Close

MERAVIGLIE NASCOSTE! Grotta di Sant’Angelo al Monte Raparo. HIDDEN WONDERS! San Chirico Raparo (PZ) – Basiliana village. Cave of Sant’Angelo at Mount Raparo

15.00

“MERAVIGLIE NASCOSTE! San Chirico Raparo (PZ) – Città Basiliana. Grotta di Sant’Angelo al Monte Raparo” fotografie di Peter Strebel e testo di Luigi Bubbico

“HIDDEN WONDERS! San Chirico Raparo (PZ) – Basiliana village. Cave of Sant’Angelo at Mount Raparo” photographs Peter Strebel and text Luigi Bubbico

Edizioni Magister, 8 marzo 2022
ISBN 978-8885564-527
© 2022 Edizioni Magister
72 pagine formato 22x22cm

Libro fotografico con testo bilingue: italiano e inglese (traduzione di Nicola Rizzi).

49 disponibili

Descrizione

“MERAVIGLIE NASCOSTE! San Chirico Raparo (PZ) – Città Basiliana. Grotta di Sant’Angelo al Monte Raparo” fotografie di Peter Strebel e testo di Luigi Bubbico

“HIDDEN WONDERS! San Chirico Raparo (PZ) – Basiliana village. Cave of Sant’Angelo at Mount Raparo” photographs Peter Strebel and text Luigi Bubbico

Edizioni Magister, 8/03/2022
ISBN 9788885564527
© 2022 Edizioni Magister
72 pagine formato 22x22cm

Libro fotografico con testo bilingue: italiano e inglese (traduzione di Nicola Rizzi).

Abstract

Il monastero di Sant’Angelo al Raparo resta l’unico grande edificio della Basilicata appartenente alla tradizione monastica italo greca del quale sono superstiti parti molto ampie: la chiesa, il campanile, parte dell’edificio monastico di sec. XVI-XVIII, ruderi del monastero medievale, resti del luogo di culto ipogeo ed alcune superfici affrescate.

La prima parte del libro è dedicata ai seguenti testi (italiano e inglese) dell’architetto Luigi Bubbico: il monachesimo italogreco in Basilicata; il complesso monastico; S. Vitale da Castronuovo e la fondazione del monastero; il sacello micaelico altomedievale in grotta; il monastero altomedioevale; il monastero tra i secoli XI e XII; il monastero tra i secoli XII e XIII; la latinizzazione della comunità; la commenda; gli affreschi; il restauro; la grotta; allestimenti e musealizzazione.

la seconda parte del libro è la narrazione fotografica realizzata da Peter Strebel all’interno della cavità carsica in cui sono presenti spettacolari formazioni di stalattiti e stalagmiti in continuo sviluppo a causa del continuo pencolamento di acqua dalle volte calcaree. Una particolare attenzione è stata dedicata dal fotografo al fondo della grotta in cui sono presenti sistemi di vasche, sifoni e canali naturali (queste alimentano le sottostanti sorgenti del Trigella) e la colonia di pipistrelli (due specie prevalenti: Rinolofo Minore e Rinolofo Maggiore).

“Fotografare una grotta di stalattiti risalente a milioni di anni fa – scrive Peter Strebel – è stata un‘esperienza che mi ha toccato profondamente. Come se il tempo si fosse fermato.
I pensieri sono volati via lontano dal presente ed ho avvertito una sensazione di pesantezza, come se stessi portando il peso della storia di tutta la terra sulle spalle. La meraviglia della natura è ogni volta unica, ed anche se non sono stato il primo a visitare questa grotta è difficile trovare le parole per celebrare la gloria dei colori dell‘oscurità.
Molto tempo fa questi luoghi erano abitati da monaci che costruirono sulla grotta la chiesa del monastero”.

Peter Strebel, nato nel 1950 in Svizzera, ha studiato ingegneria meccanica. Per oltre dieci anni è stato un fotografo dilettante; nel 1983, dopo essersi stabilito in Finlandia, questa passione è diventata la sua professione.

Si è dedicato allo studio della fotografia artistica partecipando a numerosi seminari e corsi tenuti dai migliori fotografi. Il suo lavoro risente dell’influenza, soprattutto, di Eikoh Hosoe (Giappone), Mario Cresci (Italia), André Gelpke e Floris M. Neusüss (Germania). Nel corso della carriera ha realizzato numerosi servizi fotografici su temi specifici, e i suoi lavori sono stati esposti in varie città europee.

Oltre alle tante esposizioni, ha pubblicato i seguenti libri fotografici: Si specchia ancora sul fiume (testo di Nicola D’Imperio, Edizioni Magister, Matera 2016) e Matera. Immagini del tempo / Matera. Images through space and time (testo di Roberto Mutti, Edizioni Magister, Matera 2017).

 

Principali mostre personali:

1978 – Galerie Tolgge, Zürich (CH)

1982 – Galleria Spazio Immagine, Bari (IT)

– Galleria Fotografie Oltre, Chiasso (CH)

1984 – Galerie Forum 2000, Genève (CH)

1985 – Galeria Foto USW, Hamburg (DE)

1994 – Mikkelin Valokuvakeskus, Mikkeli (FIN)

2002 – Victor Barsokevitsch Valokuvakeskus, Kuopio (FIN)

2004 – Savonlinnan taidemuseo, (FIN)

2005 – Kiek in de Kök valokuvamuseo, Tallinn (EE)

– Fotogaleria IBIS, Vaasa (FIN)

2008 – Art-Gallery-Ryf, Zürich (CH)

2010 – Villa Pomini, Castellanza (IT)

2011 – Kultur und Kongresshaus, Aarau (CH)

– Spazio Cesare da Sesto, Sesto Calende, (IT)

2015 – Kulttuurikeskus Poleeni, Pieksämäki (FIN)

2016 – Centro culturale, Aliano (IT)

2017 – Mikkelin Valokuvakeskus, Mikkeli (FIN)

2018 – Fotomuseum, Tallinn (EE)

2021 – Fotogaleria IBIS Vaasa, (FIN)

 

 

 

 

 

Informazioni aggiuntive

Peso 0.380 kg
Dimensioni 22 × 0.7 × 22 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “MERAVIGLIE NASCOSTE! Grotta di Sant’Angelo al Monte Raparo. HIDDEN WONDERS! San Chirico Raparo (PZ) – Basiliana village. Cave of Sant’Angelo at Mount Raparo”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare…