Carrello

0 item - 0,00

Dettagli

Piangete per gioia!

14,00

Piangete per gioia! Ritratto di una depressione maggiore. Autore: Gianni Cristallo(Edizioni Magister, Matera)
Prefazione: Prof. Orlando Todarello, ordinario di psichiatria (università di Bari)
Contributo della dottoressa Maria Sabino, medico specialista in psicoterapia analitica.

SINOSSI EDITORIALE:
Opera di stampo saggistico in chiave sociologica.
Vuole allertare l’umanità e aiutarla su temi di estrema attualità, sempre con umiltà. Esorta a far scendere lacrime solo per belle e dolci emozioni!
Non scrive da paziente questa volta ma quasi da terapeuta per cercare di lenire le sofferenze del mondo, in agonia, oggi, soprattutto nel disagio psichico… e a causa di esso.
È il rapporto medico paziente che necessita rivedere, o quasi ricostruire, e l’autore rilegge questa relazione anche alla luce della figura, a lui vicina, del grande padre della neuropsichiatria infantile italiano, Giovanni Bollea, purtroppo scomparso da appena due mesi.
È soprattutto il dialogo e il confronto che devono caratterizzare la vita quotidiana, a maggior ragione nel rapporto genitori-figli. Oggi purtroppo la moderna tecnologia necrotizza tali valori! Agite sempre secondo coscienza e vivete motivati nell’innalzare e difendere qualsiasi valore: rispettiamo i valori della persona ma soprattutto la persona come valore. Egli provoca: Non abbiate paura di investire rileggendo il passato, anche se doloroso, questo può farvi stare un tantino meglio nel futuro.
Nella vita mettetevi in gioco sempre e comunque!
L’aspetto narrativo ha voluto riportarlo con qualche integrazione ma non aggiornarlo per evitare di far perdere le preziose tracce del I scritto. Nel III ci sarà il prosieguo narrativo e la scoperta.
Una vita trascorsa a cercare una cura vera, anzi una vera diagnosi ad un problema non ancora risolto.

1499 disponibili

Descrizione

Piangete per gioia! Ritratto di una depressione maggiore. Autore: Gianni Cristallo (Edizioni Magister, Matera)

Prefazione: Prof. Orlando Todarello, ordinario di psichiatria (Università di Bari).

Contributo di Maria Sabino, medico specialista in psicoterapia analitica.

Copertina: acrilico su tela di Irma Perniola.

RECENSIONE di Biagio Gugliotta:
Nel libro dal titolo Piangete per gioia edito dalla casa editrice Magister di Matera, l’autore Gianni Cristallo, parla della sua triste vicenda alle prese con la depressione considerato il “male oscuro” con la quale ha convissuto per anni tra alti e bassi in cura presso un valido psichiatra che gli ha prescritto alcuni antidepressivi.
Contemporaneamente è andato da uno psicoterapeuta come supporto alla terapia farmacologia.
Il cammino verso la guarigione è stato impervio e pieno di insidie.
Infatti malgrado le cure e le attenzioni dei familiari in particolare della sorella Antonella di qualche anno più grande di lui che gli è stata molto vicina nei momenti difficili.
E’ stata davvero ammirevole la sua forza di volontà nel cercare di uscirne, in quanto questa patologia colpisce la maggior parte di persone giovani e meno giovani che spesso non potendo uscirne tentano la via del suicidio.
Ma lui già cagionevole di salute, ha vinto molte sfide della vita come riuscire a conseguire un titolo di studio e superare appunto questa malattia che la scienza, malgrado la scoperta di farmaci più efficaci non è riuscita a debellare
Addirittura il Professor Giovanni Battista Cassano nel suo libro E liberaci dal male oscuro mette in luce la gravità di questo problema che purtroppo molti ignorano.
L’autore prima di guarire completamente ha avuto come si evince dal libro, delle ricadute per le quali è stato necessario l’intervento dello psichiatra.
Il testo è integrato da una piccola guida della sindrome depressiva a cura di Giuseppe Epifania che offre una chiara ed esaustiva panoramica della depressione nelle sue sfaccettature e dei farmaci che vengono prescritti.
Esso e integrato da varie riflessioni come quella della sorella Antonella, di Pasquale Rana e Clementina Pecorelli.
In conclusione il libro offre importanti piste di riflessione su evento realmente accaduto.

SINOSSI EDITORIALE: Un’opera di stampo saggistico in chiave sociologica. Il titolo del primo libro era Non voglio piangere più. Ora non chiede aiuto all’umanità ma vuole allertarla e aiutarla su temi di estrema attualità, sempre con umiltà. Esorta a far scendere lacrime solo per belle e dolci emozioni! Non scrive da paziente questa volta ma quasi da terapeuta per cercare di lenire le sofferenze del mondo, in agonia, oggi, soprattutto nel disagio psichico… e a causa di esso. È il rapporto medico paziente che necessita rivedere, o quasi ricostruire, e l’autore rilegge questa relazione anche alla luce della figura, a lui vicina, del grande padre della neuropsichiatria infantile italiano, Giovanni Bollea, purtroppo scomparso da appena due mesi. È soprattutto il dialogo e il confronto che devono caratterizzare la vita quotidiana, a maggior ragione nel rapporto genitori-figli. Oggi purtroppo la moderna tecnologia necrotizza tali valori! Agite sempre secondo coscienza e vivete motivati nell’innalzare e difendere qualsiasi valore: rispettiamo i valori della persona ma soprattutto la persona come valore. Egli provoca: Non abbiate paura di investire rileggendo il passato, anche se doloroso, questo può farvi stare un tantino meglio nel futuro. Nella vita mettetevi in gioco sempre e comunque! L’aspetto narrativo ha voluto riportarlo con qualche integrazione ma non aggiornarlo per evitare di far perdere le preziose tracce del I scritto. Presentazione di Margherita Giordano. Contributi di: Paolo Francesco Porcari, Antonello Capodiferro, Maria Sabino, Pasqua Rana, Giuseppe Epifania, Maristella Trombetta, Antonella Cristallo, Clementina Pecorelli.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Piangete per gioia!”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *